+34 619 159 587 reservas@lajoyadecabodegata.es

Ceramica: a Níjar (a un quarto d’ora in macchina da La Joya de Cabo de Gata) la produzione della ceramica risale a metà del sec. XIX; esistono cinque fabbriche a conduzione artigianale e familiare. Oggi è un centro d’interesse con oggetti di ceramica tradizionale e altre di disegno moderno.

Jarapas: coperte di tela lavorate con grandi telai di legno che ancora si possono visitare a Níjar.

Sparto: è un’attività artigianale praticamente scomparsa nella zona, ma un tempo molto diffusa. È sufficiente osservare le grandi aree coltivate a sparto che vi sono in tutto il parco. Tuttora troviamo qualche artigiano che lavora le ceste e le stuoie, come José Torrecillas nel distretto da La Joya de Aguamarga.

Alcuni artisti venuti da varie parti del Pianeta si sono stabiliti nel Parco: pittori, scultori, artisti del riciclaggio creativo di mobili, ecc.

Javier Torras
Juana Chevalier (Fotógrafa)
Kika e Iván
María Abad (Ceramista)
Matthew Weir (Ceramista)
Miguel Costales (Pintor escultor)
Oscar Molina (Fotografía)
SAFI (Escultor –pintor)
Salvador Hernández
Sophie Cuendet (Escultora)
Tamara Katz
Uli Schwander
Ulli Butz (Escultor reciclaje)
Vidal Hurtado (Ceramista)

Otros artistas y artesanos:
Dolores García García (Níjar)
Emilio Sdun (Tipografía)
Faruk y Erika (Joyería alternativa) Níjar
Miguel García (Artes de pesca) Garrucha
Mónica San Esteban (Mojácar)
Pedro Larios (Esparto) Cuevas de Almanzora
Pipo Jost (Pintora) Mojácar
Rafael Granados (Níjar)
Rubén Gómez (Telares) Vera