+34 619 159 587 reservas@lajoyadecabodegata.es

La creatrice della Joya de Cabo de Gata si è proposta l’obiettivo di coniugare l’ecologia con l’habitat in vista di una società e un mondo migliori. Ogni giorno si sforza per consumare in modo più intelligente al fine di rispettare l’equilibrio della natura e di salvaguardare le sue ricchezze, riciclando e disponendo tutto in uno spazio minuziosamente disegnato. L’ubicazione della tenuta tra il mare e la montagna, è l’archetipo di insediamento mediterraneo: un sogno fatto realtà.

L’acqua

Al fine di minimizzare l’utilizzo dell’acqua per innaffiare le piante, in tutta la proprietà si utilizza il metodo di irrigazione a goccia. Un depuratore specifico garantisce il riciclaggio dell’acqua residua. Tutta l’acqua utilizzata viene posteriormente riciclata.

Sia l’acqua della Jacuzzi che quella della piscina fenicia proviene dal pozzo della tenuta e viene rinnovata costantemente. Per il suo trattamento e le condizioni di igiene e salubrità si utilizzano prodotti ecologici, non abrasivi e innocui, che evitano le irritazioni o il forte odore di cloro. Si ha la sensazione di fare il bagno in un ruscello di montagna, ma con l’acqua tiepida del Mediterraneo.

Energia solare

Acqua calda dal bagno, cucina, piscina e le “glorie” che sotto il pavimento dei villaggi forniscono riscaldamento, energia solare ottenuta attraverso pannelli solari situati sui tetti e negli angoli nascosti in vista.

Costruzione ecologica e bioclimatica

Il cortijos sono stati costruiti in modo tale da potersi adattare al clima locale, che presenta scarse escursioni termiche nel corso dell’anno. Pensati e orientati per affrontare senza sforzo il caldo o il freddo, con il massimo risparmio energetico, sfruttando la luce naturale, canalizzando le brezze per la ventilazione naturale. Lo spessore dei muri, i materiali ecologici e i sistemi isolanti con cui sono realizzati, gli alti soffitti, l’orientamento, i vetri utilizzati per le finestre, consentono di ottenere un ambiente confortevole in qualsiasi periodo dell’anno, senza necessità di ricorrere alla climatizzazione forzata sempre nociva alla salute e al benessere. Un esempio è offerto dal riscaldamento utilizzato nei cortijos, la “gloria”, sistema ereditato dai romani che consente di godersi il riscaldamento proveniente dal pavimento, grazie a un circuito di acqua calda in circolazione continua. Pavimenti di ceramica a una temperatura perfetta creano un ambiente piacevolmente caldo.

Le costruzioni sono adattate all’orografia del luogo, integrandosi tra i terrazzamenti in modo tale da rimanere mimetizzate nel paesaggio, mettendo in evidenza il presente e il passato permanente, senza cancellare le impronte né alterare la loro fisionomia originale.

Prodotti d’igiene

Per motivi ecologici, tutti i prodotti che si utilizzano nella tenuta per le pulizie e l’igiene degli alloggi sono stati selezionati tra quelli che non contengono prodotti abrasivi, veleni o sostanze contaminanti, e prescindono da prodotti chimici di sintesi.

Riciclaggio dei rifiuti

Per questo sistema di raccolta dei rifiuti facciamo affidamento sulla collaborazione dei nostri clienti, persone sufficientemente sensibili. Nella tenuta si trovano contenitori per la raccolta differenziata del vetro, imballaggi di plastica, carta e materia organica; depositando i rifiuti in buste negli appositi contenitori si contribuisce al risparmio di energia e di materie prime.

Orto ecologico e pollaio di design

Seguendo i saggi consigli del segoviano Gaspar Caballero, dal quale Charo ha imparato a El Escorial come organizzare un orto ecologico con la tecnica di “Parades en Crestall”, e Charo ha creato un piccolo orto, grazie anche alla generosità della Madre Terra. Abbiamo già raccolto lattuga, peperoni, melanzane, zucchine e un’infinità di piante aromatiche. Anche i nostri clienti possono gustare questi prodotti sani e saporiti. Per comunicare con Gaspar visita: www.gasparcaballerodesegovia.net

Tre galline sorelle, con un bellissimo piumaggio marrone dorato, trovano alloggio nel pollaio composto da un tepee che le protegge dal sole e da un agave i cui rami consentono loro di dormire in alto. Protette dalle bandiere tibetane. Questo è frutto dello scrupoloso disegno di Pilar Muñoz e Olegario Torralba.